Nuovo Gal vibonese. Il Cogal richiede l’acquisizione degli atti

28 ottobre 2016

27/10/2016- La congiura di palazzo organizzata sul territorio Vibonese da una corrente politica del Partito Democratico in modo trasversale con una corrente di Forza Italia è riuscita nel suo obiettivo per l’apporto, che la “congiura”, ha avuto dall’amministrazione regionale guidata dall’ On. Mario Oliverio attraverso il suo delegato all’agricoltura On. Mauro D’Acri.

Che si trattasse di un disegno preordinato destinato al successo, si è capito sin dalla riunione convocata appositamente dal Sindaco di S. Onofrio per dar vita ad un “nuovo Gal” del 28 luglio scorso alla presenza appunto, dell’On. Mauro D’Acri coadiuvato dall’ On. Michele Mirabello e con la benedizione dell’On Brunello Censore.

Del dopo, la cronaca ha dato ampia notizia sullo sviluppo della vicenda e il COGAL Monte Poro-Serre Vibonesi, non ha mancato di denunciare l’assenza di una proposta, (a proposito qualcuno la conosce?)e la campagna di millantato credito circa l’accordo con l’Amministrazione Regionale (adesso possiamo dire non millantato credito ma legittimo sospetto).

Se l’Amministrazione Regionale ha esercitato eventuali illegittime pressioni per favorire il “il partenariato Terre Vibonesi” lo riscontreremo a seguito di quanto accerteremo con l’accesso agli atti che questa mattina, giovedì 27 Ottobre 2016, abbiamo inoltrato alla Regione Calabria tramite l’Avv. Giuseppe Pitaro.

Di certo, il COGAL Monte Poro-Serre Vibonesi, non mollerà di un millimetro per affermare trasparenza, concorrenza e corretto utilizzo dei fondi Comunitari destinati alla programmazione 2014-20.

In questo senso riteniamo che il ricorso al TAR sia immediatamente possibile, in quanto emerge chiaro, che il partenariato “Terre Vibonesi” si è costituito senza osservare presupposti essenziali, quali che, ogni comune può partecipare ad un solo partenariato o Gal e che eventuali recessi (effettivamente avvenuti) da un partenariato, debbano essere comunicati al partenariato di prima appartenenza, in ossequio alle norme che vietano ad un partenariato di trasformarsi in “partecipata pubblico privato” in quanto avrebbe lo stesso scopo sociale.

Per non parlare della componente privata.

La stragrande maggioranza delle categorie economiche presenti sul territorio del Vibonese sono nel partenariato o soci del cogal che riveste il ruolo di capofila.

L’Amministrazione Regionale ha valutato tutto ciò? Da quello che emerge dalla sola lettura del decreto di selezione dei gal in attuazione della misura 19 del PSR Calabria sembrerebbe proprio di no.

La Regione, per come si evince, si è occupata invece di nominare “un supporto alla commissione di valutazione”, per quale motivo?

L’Amministrazione Regionale, è stata poca attenta a mio avviso,anche per non aver valutato l’incompetenza, l’assenza di trasparenza e l’assenza di capacità a gestire correttamente i fondi Comunitari.

Basta guardare la determina n°86 del Settembre 2016 dell’Ufficio Tecnico del Comune di Gerocarne capofila del partenariato “Terre Vibonesi” per rendersi conto delle mie affermazioni.

La Regione Calabria si è assunta una grave responsabilità a riguardo la destinazione e l’uso dei fondi comunitari che non possono essere ritenuti proprietà di una corrente politica.

Per questa ragione la nostra azione politica è finalizzata a investire le magistrature competenti anche Europee qualora dalla documentazione che abbiamo chiesto di acquisire con l’accesso agli atti dovesse confermare considerazioni esposte.

Paolo Pileggi


Tags:

Regione calabria Paolo Pileggi Mario Oliverio Brunello censore Nuovo gal vibonese